“SALDO ZERO” E ONERE DELLA PROVA